Mandarino

Citrus reticulata

Il mandarino (Citrus reticulata) è un piccolo albero della famiglia delle Rutacee dalle foglie lucide originario del sud-est asiatico (Cina e Vietnam).

  • Bagno

  • Applicazione cutanea, massaggio

  • Via orale

  • Via respiratorie, diffusione

Fototossica, l'essenza di mandarino non va utilizzata prima di esporsi al sole.

Non usare: nelle donne in gravidanza o che allattano, nei bambini di età inferiore ai tre anni, nei soggetti allergici a uno dei componenti (aldeide, limonene), nei soggetti asmatici, durante il primo utilizzo, senza il parere di un allergologo, per un periodo prolungato nei soggetti con insufficienza renale funzionale (monoterpeni). Attenzione! L'uso superiore ad alcuni giorni può causare interazioni farmacologiche.

Angoscia (adulti e bambini)
Prendere 1-2 gocce di essenza di mandarino su una compressa neutra, su uno zuccherino o in un cucchiaino di miele e far sciogliere in bocca. Ripetere se necessario.

Disturbi del sonno
• 4 gocce di olio essenziale di petit grain di melangolo, 4 gocce di essenza di mandarino. Diffondere la miscela nell'ambiente 1 ora prima di coricarsi.

• Mettere qualche goccia di essenza di mandarino sul cuscino o su un fazzoletto.

• 4 gocce di olio essenziale di basilico, 4 gocce di olio essenziale di bergamotto, 4 gocce di essenza di mandarino, 4 gocce di essenza di arancio dolce.

Mescolare gli oli essenziali in un cucchiaio di base neutra per il bagno o di polvere di latte. Versare in un bagno caldo e già sciolto. Rimanere 20 minuti, poi coricarsi senza sciacquarsi. Continuare il trattamento per 15 giorni.

Il suo frutto, dolce e profumato, è uno degli agrumi meno acidi e contiene molti semi (contrariamente alla clementina). Si divide in una decina di quarti talvolta chiamati "cosce" o "perne" nel Périgord. La specie detta "satsuma" (Citrus unshiu), chiamata mikan in Giappone, conta 200 cultivar. Uno dei più conosciuti è l’owari, il cui frutto matura in inverno nell'emisfero nord.

Il mandarino deve il suo nome alla veste gialla dei mandarini? Così si dice. Quello che è sicuro è che era conosciuto in Cina da millenni. La buccia del mandarino era ed è utilizzata ancora matura (chen pi) o non matura (ging pi) per curare il mal di stomaco e l'irritabilità gastrica. Nel sud della Cina si offrono mandarini per l'anno nuovo e se qualcuno ne riceve 4, la tradizione vuole che ne restituisca 2 per non accaparrarsi tutta la buona fortuna. L'albero di mandarino è arrivato in Europa e in America più di 400 anni dopo l'arancio. La Gran Bretagna importò i primi alberi nel 1815; la Provenza non ne vide prima dell'inizio del XIX secolo. In Algeria furono coltivati a partire dal 1850.

ERBARIO AROMATICO & RICETTE

Tutte le piante dalla A alla Z o come utilizzare gli oli essenziali con molti suggerimenti e ricette.

Scoprire

Accetto

Proseguendo la navigazione su questo sito, l'utente accetta l'utilizzo di cookies o altri traccianti allo scopo di realizzare statistiche di visita e ottimizzare la funzionalità del sito. Per saperne di più e configurare i traccianti.

Poiché il sito Internet è essenzialmente destinato ad essere ricevuto sul territorio (italiano), il sito e il suo utilizzo sono disciplinati dalla legislazione italiana, conformemente alle disposizioni riportate sulle (CGU)