Lauro nobile

Laurus nobilis

Arbusto vivace con fogliame persistente e corteccia grigio scuro, l'alloro (Laurus nobilis) appartiene alla famiglia delle Lauracee. Esistono due varietà: l'alloro dorato (Laurus nobilis laurea) e l'alloro a foglie strette (Laurus nobilis angustifolia).

  • Bagno

  • Applicazione cutanea, massaggio

  • Via orale

  • Via respiratorie, diffusione

Sulla pelle, l'olio essenziale di alloro va usato diluito, dopo un test cutaneo, poiché è allergizzante e leggermente dermocaustico. L'assunzione per via orale è soggetta a prescrizione medica. Fare attenzione a non superare mai la dose o prolungare la durata di assunzione dell'olio essenziale, quest'ultimo può avere un effetto narcotizzante.

Non usare: nelle donne in gravidanza o che allattano, nei bambini di età inferiore a tre anni, nei soggetti allergici a uno dei componenti (eugenolo, limonene, linalolo), nei soggetti asmatici, durante il primo utilizzo, senza il parere di un allergologo.

Afte
4 ml di olio essenziale di alloro nobile, 10 ml di olio vegetale di rosa moscata. Applicare 3 volte al giorno con un cotton fioc sull'afta fino a guarigione e per 7 giorni al massimo.

Colite ricorrente
Prendere 2 volte al giorno, per 15 giorni, 2 gocce di olio essenziale di alloro nobile e 1 goccia di olio essenziale di cannella su una compressa neutra.

Crescita dei capelli
2-3 gocce di alloro nobile mescolate alla dose abituale di shampoo stimolano il cuoio capelluto.

È originario dell'Europa meridionale e del Medio Oriente e talvolta può raggiungere i 6 metri. Le sue foglie, come peraltro tutte le parti della pianta, coriacee, lanceolate e con i bordi ondulati, sono ricche di olio essenziale. Si adatta a tutti i tipi di terreno nelle regioni mediterranee. Semina e riproduzione per talea si fanno in autunno.

Come per la maggior parte delle piante mediterranee, l'alloro ha una leggenda: per vendicarsi di Apollo che si era preso gioco di lui, Eros lo fece innamorare follemente della ninfa Dafne e fu così crudele da rendere la bella insensibile al divino spasimante. Stufa di scappare continuamente, fu trasformata in un alloro che Apollo, sempre innamorato, consacrò alla pace, al trionfo e alla felicità. Per questa ragione a Roma si agitavano rami di alloro in segno di festa. A Roma e in Grecia ne venivano incoronati i vincitori e la stessa cosa avveniva nel Medioevo per gli studenti che avevano superato gli esami. La loro fronte era cinta d'alloro con le bacche (Bacca laurea), da cui deriva il francese "baccalauréat". È presente nell'antichissima ricetta del "sapone di Aleppo" per la cura della pelle e da sempre le donne a Creta gli affidano la brillantezza dei loro capelli. I suoi meriti culinari sono talmente conosciuti che non c'è bisogno di ricordarli.

ERBARIO AROMATICO & RICETTE

Tutte le piante dalla A alla Z o come utilizzare gli oli essenziali con molti suggerimenti e ricette.

Scoprire

Accetto

Proseguendo la navigazione su questo sito, l'utente accetta l'utilizzo di cookies o altri traccianti allo scopo di realizzare statistiche di visita e ottimizzare la funzionalità del sito. Per saperne di più e configurare i traccianti.

Poiché il sito Internet è essenzialmente destinato ad essere ricevuto sul territorio (italiano), il sito e il suo utilizzo sono disciplinati dalla legislazione italiana, conformemente alle disposizioni riportate sulle (CGU)