Cisto ladanifero

Cistus ladaniferus

Arbusto legnoso della famiglia delle Cistacee, il cisto cresce nel bacino del Mediterraneo sui terreni poveri, soprattutto in Spagna (Cistus ladaniférus), in Siria (Cistus syriacus), a Creta (Cstus incarnus ssp creticus) e a Cipro (Cistus cyprius).

  • Bagno

  • Applicazione cutanea, massaggio

  • Via orale

  • Via respiratorie, diffusione

Bisogna evitare l'olio essenziale di cisto in caso di trattamento anticoagulante.

Non usare: nelle donne in gravidanza o che allattano, nei bambini di età inferiore ai tre anni e di sette anni per via sistemica (chetoni), nei soggetti allergici a uno dei componenti, nei soggetti asmatici, durante il primo utilizzo, senza il parere di un allergologo.

Epistassi (sanguinamento nasale)
Porre 2 gocce di olio essenziale di cisto su un cotton fioc e applicarlo nella narice per arrestare il sanguinamento. Si può anche impregnare una garza da lasciare nella narice.

Immunità
Inghiottire 1 goccia di olio essenziale di cisto posta su una compressa neutra in un cucchiaino di olio d'oliva o di miele o su uno zuccherino e lasciar sciogliere in bocca 3-4 volte al giorno.

Ferita
Applicare 2 gocce di olio essenziale di cisto su una ferita per arrestare il sanguinamento. In casi di emorragia, mettere 2 gocce sul tessuto pulito e applicare sulla pelle.

I suoi fiori, molto profumati, sbocciano da aprile a giugno. Due delle sue specie (Cistus creticus e Cistus monspeliensis), dai fiori bianchi e rosa, profumano la macchia corsa e facevano affermare a Napoleone che, ad occhi chiusi, riconosceva l'isola dal suo profumo. Sono stati fatti tentativi di coltivazione ma senza risultati probanti a causa degli elevati costi di produzione.

Il cisto è riuscito a stupire due grandi uomini: il padre della storia e quello della botanica. "Ha, dice Erodoto, un profumo assai gradevole sebbene provenga da un luogo molto maleodorante, si raccoglie infatti nella barba dei caproni. Quando le bestie escono dai cespugli, vi si attacca come la colla". Il cisto secerne infatti una gomma, il labdanum, termine derivato dal siro-fenicio ladan, "l'erba con la colla". I greci preferivano utilizzare per la raccolta una frusta con strisce di pelle. Linneo, dal canto suo, fu sorpreso del numero eccezionale di specie, ne esistono più di 300. Gli antichi utilizzavano il cisto per le fumigazioni e per la sua "proprietà astringente" che permetteva di fermare i sanguinamenti. Apprezzavano anche il suo odore selvatico: "Puro il cisto deve avere un odore selvatico e far sentire l'odore del deserto", scriveva Plinio.

ERBARIO AROMATICO & RICETTE

Tutte le piante dalla A alla Z o come utilizzare gli oli essenziali con molti suggerimenti e ricette.

Scoprire

Accetto

Proseguendo la navigazione su questo sito, l'utente accetta l'utilizzo di cookies o altri traccianti allo scopo di realizzare statistiche di visita e ottimizzare la funzionalità del sito. Per saperne di più e configurare i traccianti.

Poiché il sito Internet è essenzialmente destinato ad essere ricevuto sul territorio (italiano), il sito e il suo utilizzo sono disciplinati dalla legislazione italiana, conformemente alle disposizioni riportate sulle (CGU)