Camomilla romana

Chamaemelum nobile

Pianta erbacea vivace alta da dieci a trenta centimetri di altezza, appartenente alla famiglia delle Asteracee, la camomilla romana o nobile (Chamaemelum nobile) cresce un po' ovunque in Europa con una predilezione per i terreni ricchi di silice.

  • Bagno

  • Applicazione cutanea, massaggio

  • Via orale

  • Via respiratorie, diffusione

L'olio essenziale di camomilla romana è molto ben tollerato.

Non usare: nelle donne in gravidanza o che allattano, nei bambini di età inferiore ai sei anni a causa della presenza di chetoni, nei soggetti epilettici, nei soggetti allergici a uno dei componenti (limonene), nei soggetti asmatici, durante il primo utilizzo, senza il parere di un allergologo.

Ansia
Per eliminare l'angoscia, respirare direttamente per due o tre secondi da un flacone di olio essenziale di camomilla romana.

Stress
Applicare qualche goccia di olio essenziale di camomilla sul plesso solare, lungo la colonna vertebrale, sotto la volta plantare e sulle pieghe interne dei polsi.

I suoi steli sono villosi e le sue foglie, di colore verde biancastro, sono sottilmente divise in lobi corti e stretti. Il capolino è formato da infiorescenze ligulate bianche che si accavallano una sull'altra e circondano un disco di fiori tubulari gialli. I frutti della camomilla sono giallastri, piccoli e costolati.

Regina delle tisane per signore anziane e per chi va a letto presto, la camomilla non ha sempre avuto questa immagine di guastafeste. Nell'Egitto dei faraoni era esattamente il contrario: dedicata a Ra, il dio del sole, esaltava la vita, la luce e la metamorfosi. I greci vedevano in lei una panacea e le erano grati in particolare del fatto di curare la malaria. Trovavano in lei un odore di mela matura, da cui il nome khamaimelon, "mela della terra", divenuto in latino camomilla. Dioscoride e Galeno la consigliavano per le malattie femminili. Quasi venti secoli dopo deliziava gli italiani. Stendhal nel suo Passeggiate romane, scrive che essi cantavano alle loro adorate: "Benedico il fiore di camomilla." In Europa centrale le donne la usavano per donare riflessi dorati ai capelli. Nella Francia rurale si usava per il mal di stomaco, l'insonnia, l'emicrania e l'infiammazione delle palpebre.

ERBARIO AROMATICO & RICETTE

Tutte le piante dalla A alla Z o come utilizzare gli oli essenziali con molti suggerimenti e ricette.

Scoprire

Accetto

Proseguendo la navigazione su questo sito, l'utente accetta l'utilizzo di cookies o altri traccianti allo scopo di realizzare statistiche di visita e ottimizzare la funzionalità del sito. Per saperne di più e configurare i traccianti.

Poiché il sito Internet è essenzialmente destinato ad essere ricevuto sul territorio (italiano), il sito e il suo utilizzo sono disciplinati dalla legislazione italiana, conformemente alle disposizioni riportate sulle (CGU)