Arancio dolce

Citrus sinensis

L’arancio (Citrus sinensis), originario dell'Asia, è un albero da frutto della famiglia delle Rutacee. Proviene da un'ibridazione naturale tra pompelmo (Citrus maxima) e mandarino (Citrus reticulata).

  • Bagno

  • Applicazione cutanea, massaggio

  • Via orale

  • Via respiratorie, diffusione

Poiché l’essenza di Citrus sinensis è fototossica, si consiglia di evitare di esporsi al sole 24 ore dopo averlo utilizzato. Irritante per alcuni, si consiglia di effettuare un test cutaneo prima di utilizzarlo per massaggi o trattamenti di bellezza. Bisogna inoltre prestare attenzione ad alcune interazioni farmacologiche.

Non usare: nei bambini di età inferiore ai tre anni, nei soggetti allergici a uno dei componenti (aldeide, limonene, linalolo), nei soggetti asmatici, durante il primo utilizzo, senza il parere di un allergologo, per un periodo prolungato nei soggetti con insufficienza renale funzionale (monoterpeni).

Ansia
Prendere, 3 volte al giorno per 5 giorni, 1 goccia di essenza d'arancio dolce in un cucchiaino di miele o su una compressa neutra.

Cucina
3-5 gocce di essenza d'arancio dolce profumano flan, dolci, insalate di frutta e pasticceria e facilitano la digestione.

Rilassamento
Versare nell'acqua calda del bagno 10 gocce di essenza di arancio in un cucchiaio di latte in polvere o di base neutra per il bagno.

Puntura d'insetto
Depositare 1 goccia pura di essenza di arancio dolce sulla puntura. Non esporsi al sole subito dopo. In caso di esposizione al sole, sostituire con 1 goccia di olio essenziale di lavanda spica.

Può raggiungere i 10 metri, ha rami spinosi e foglie di 4-10 centimetri. Il suo frutto, o propriamente la sua bacca, è chiamato arancia dolce per distinguerlo da quello, amaro del melangolo (Citrus aurantium).

"Conosci il paese dove fiorisce l'arancio?" canta Mignon. Si potrebbe applicare all'arancio, frutto luminoso della felicità, quello che Talleyrand diceva della vita sotto l’Ancien Régime: chi ignora il suo sapore non conosce la dolcezza del vivere. Nell'antichità, le mele d'oro del giardino delle Esperidi erano in realtà arance. Introdotto in Europa dai navigatori portoghesi di ritorno in Cina, da cui il suo nome arabo e greco burtughal e portokali, l'arancio dolce in tedesco è la "mela della Cina" (Apfelsine). La gloria del frutto eclissa la scorza con la quale si può fare un eccellente aperitivo e le foglie che Mattioli affermava possedessero un effetto sudoriparo adatto a "far uscire tutto il cattivo umore sulla pelle". I fiori hanno ornato tantissimi caminetti del mondo, attestando nel corso degli anni la verginità della sposa.

ERBARIO AROMATICO & RICETTE

Tutte le piante dalla A alla Z o come utilizzare gli oli essenziali con molti suggerimenti e ricette.

Scoprire

Accetto

Proseguendo la navigazione su questo sito, l'utente accetta l'utilizzo di cookies o altri traccianti allo scopo di realizzare statistiche di visita e ottimizzare la funzionalità del sito. Per saperne di più e configurare i traccianti.

Poiché il sito Internet è essenzialmente destinato ad essere ricevuto sul territorio (italiano), il sito e il suo utilizzo sono disciplinati dalla legislazione italiana, conformemente alle disposizioni riportate sulle (CGU)